La linea sottile

Una riflessione equilibrata e ragionata sul prezzo della violenza: per chi la subisce così come per chi la compie.

Due storie si intrecciano, narrano di due guerre dei primi anni Novanta da due diversi punti di vista: quello di Bakira, una donna bosniaca sopravvissuta alle violenze della guerra nella ex-Jugoslavia e quello di Michele, un ex soldato italiano di una missione internazionale di pace in Somalia, il cui contingente è stato responsabile di violenze contro la popolazione civile. Il film è la narrazione di un inesausto viaggio in fieri verso la consapevolezza del male e dell’umana capacità di generarlo.

Documentario, 90 min, Italia/Croazia
Status: completato (2015)

Festival
Liburnia Film Festival, 2016 / Premio del Pubblico
Asti Film Festival, 2016 / Premio del Pubblico
Visioni dal mondo, 2015

Regia: Nina Mimica e Paola Sangiovanni
Cast: Michele Patruno, Bakira Haseòić, Andrea Evangelisti
Prodotto da: Marco Visalberghi (DocLab), Augusta Eniti (Altreforme), Dijana Mladenović (Kinematograf)
Fotografia: Eleonora Patriarca, Faris Dobraòa
Montaggio: Ilaria Fraioli
Musica: Damir Avdić

Produzione: DocLab, Rai Cinema, Altreforme, Kinematograf

Con il sostegno di: Fondo per l’Audiovisivo del Friuli Venezia Giulia, MiBAC

Con il patrocinio di: Amnesty International